Questo blog, privo di ogni lucroso fine, nasce dall'esigenza degli Yep Jeeway, nota sensual cover band californiana trapiantata a Como, di magnificare la toccante beltà della morbidezza. Tale argomento, già sviluppato nella stragrande maggioranza dei loro testi, ascende su queste pagine a un superpiano visuale - forse di poesia dalla grana meno fine, ma certamente più facilmente fruibile dal grande pubblico.

venerdì 26 giugno 2015

Natasha L.

Ora, non so perché, quello che fa sembra avere un senso per le persone.






EROTIC YEP JEBBONUS








Anastasia S.

Quand’era ragazza e il Rock & roll arrivò nella Germania dell’Est, i comunisti dissero che era un ballo sovversivo. 






YEP JEBBONUS




Tatyana P. part II

Non vi abbiamo mai parlato di quando lei e Attila giocavano a bocce con le teste ghigliottinate dei nobili francesi?







Ekaterina B.

Chi avrebbe mai creduto che con due vascelli da trasporto osasse assalire un principe, che aveva quattrocento navi da guerra, centomila fanti, diecimila cavalli, una gran provvisione di armi e di viveri, e tante ricchezze, che bastavano per mantenere ed assoldare truppe numerose?






YEP JEBBONUS



giovedì 25 giugno 2015

Anna B.

Accade molto di rado che gente comune come lei prenda in affitto antiche case di campagna per le vacanze estive: una villa in stile coloniale, un podere tramandato di generazione in generazione... magari una casa infestata dagli spiriti oh sì!, e raggiungerebbe il culmine della felicità romantica.






YEP JEBBONUS



Ekaterina C.

Ogni suo verso è un grido veemente d'un'anima straziata, e talora ci par quasi sentirne l'ululato che dai remoti burroni del Sinni si leva fino a noi, per gridare, benché tardi, vendetta.






YEP JEBBONUS



Veronika M.

Discende da un'agiata famiglia di mugnai e di agricoltori. Ed anche lei, nella sua lontana giovinezza, si dedicò per qualche anno, con buon successo, all'agricoltura, per la quale aveva una naturale e spiccatissima disposizione.